“La città delle dame” – Christine de Pizan

  "Che Dio sia lodato, mie eccellenti Dame! La nostra città è costruita e completata. Voi tutte, che amate la virtù, la gloria e la lode, vi potrete essere accolte con i più grandi onori: è stata fondata e costruita per tutte le dame onorate, quelle del passato come del presente e del futuro." Nel…

Annunci

“Io, Caterina” – Francesca Riario Sforza

  "Ecco in cosa era diversa Caterina rispetto alle altre donne, nobili o del popolo che fossero: possedeva una spinta virile, che non aveva connotati né maschili né femminili, ma sempre orientata verso un senso alto dell'esistenza." Caterina Sforza: figlia del duca di Milano, nipote del papa, signora di Imola e contessa di Forlì, madre…

“Breve storia della letteratura gialla” – Eleonora Carta

  "Questa, a mio avviso, più che l'insopprimibile aspirazione umana alla giustizia – da qualcuno invocata – è la ragione del successo del romanzo giallo. Non tanto la lotta vittoriosa e l'ordine ristabilito, quanto l'esplorazione dei confini del male." Eleonora Carta, classe '74, è un'affermata autrice di gialli: ha pubblicato alcuni suoi scritti, come Delitto…

“Ritorno dall’India” – Abraham B. Yehoshua

  "Dunque era proprio così: ogni volta che la incontravo, dovevo ricominciare da capo? Dunque tutto ciò che c'era fra noi era tutto contro natura, incompatibile alla vita, visto che ogni volta spariva svaporando, come se non fosse abbastanza consistente per esistere?" Abraham "Boolie" Yehoshua è uno degli autori israeliani più amati: alternando generi e…

“Benedette guerre” – Alessandro Barbero

  "Eppure le Crociate sono anche il momento in cui queste civiltà diverse, anche se così legate senza saperlo – perché in realtà neanche loro sospettavano quanto erano vicine, quanto avevano in comune –, si incontrano, si osservano e si descrivono a vicenda." Elsa Morante diceva: "Io volevo scrivere l’ultimo romanzo possibile. L’ultimo romanzo della…

“Sette storie gotiche” – Karen Blixen

  "Dovrete capire quel che potete, e lasciar da parte il resto. Non è un cattivo segno per una storia, se la si capisce soltanto a metà." L'estratto citato calza a pennello: ho fatto fatica a comprendere fino in fondo questo libro, non perché sia scritto male o perché la scrittrice abbia uno stile ermetico,…